Card. Betori: altare e ambone per il Papa costruiti da detenuti Sollicciano e ragazzi di Villa Lorenzi

L’Arcivescovo di Firenze, card. Giuseppe Betori ha chiesto ai detenuti del carcere fiorentino di Sollicciano e ai ragazzi in difficoltà di Villa Lorenzi di realizzare rispettivamente l’altare e l’ambone per la Santa Messa che Papa Francesco celebrerà il 10 novembre allo stadio Artemio Franchi, in occasione del 5° Convegno Ecclesiale Nazionale (9-13 novembre).
“Mi sembrava molto importante – ha detto il card. Betori – che accanto al Papa ci fossero quelle situazioni di periferia umana che egli tanto spesso ci richiama. E allora ho pensato subito a due di queste periferie, non sono le sole, ma sono due che ci stanno molto a cuore: quella dei carcerati e quella dei giovani che hanno avuto problemi di devianza e che vanno ripresi nel cammino della loro vita. Ho pensato che potevano essere loro i più vicini al Santo Padre nel momento in cui Egli celebrava l’Eucaristia. Li ho per questo invitati a collaborare e ho trovato la massima adesione alla proposta dalle responsabili del carcere e di Villa Lorenzi e da tutti loro, e sono grato per questo. Nelle due falegnamerie si inizierà già da oggi a lavorare per realizzare l’altare e l’ambone”.
Il progetto dei due poli liturgici è stato ideato dall’architetto Riccardo Damiani.
In allegato la sua relazione e le immagini di altare e ambone