Diocesi Firenze » In evidenza » 2017 » Dicembre » Un solo Natale, tante tradizioni: un incontro in Ognissanti 
Un solo Natale, tante tradizioni: un incontro in Ognissanti   versione testuale
Promosso da Ordine del Santo Sepolcro e Migrantes
La Terra Santa, luogo che nella tradizione cristiana è visto con rispetto e profonda spiritualità perché in questi luoghi è nato e vissuto Gesù Cristo. La Terra Santa è anche il luogo in cui ebrei, cristiani e musulmani hanno in Abramo il loro padre nella fede, amico di Dio. In questa cornice di molte tradizioni l’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme e l’Ufficio per la pastorale dei migranti organizzano un pomeriggio in cui desiderano portare all’attenzione della gente questi luoghi in cui ancora oggi ebrei, cristiani e musulmani vivono, credono, soffrono e sperano un Natale di pace per tutti. Da secoli queste terre sono luoghi di passaggio di popoli, di migrazioni, di tradizioni e sapori diversi. Le civiltà degli Imperi, la cultura ellenistica, poi quella araba hanno dato vita a un mosaico di etnie.
L’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, da secoli presente in questi luoghi, ha fra i propri fini statutari il sostegno alle Opere del Patriarcato Latino di Gerusalemme finanziando le sue attività educative istituzionali e sociali. Uno dei campi più oggetto di attenzione è quello della formazione: sono infatti sostenute scuole di vario ordine e grado frequentate sia da cristiani di tutte le confessioni sia da non cristiani, che studiando imparano a conoscersi e a gettare ponti di dialogo e di pace.
In quest’ottica la Delegazione di Firenze dell’Ordine del Santo Sepolcro e Migrantes, l’ufficio della Diocesi di Firenze che segue la pastorale della mobilità umana, organizzano per domenica 3 dicembre alle 15 nella chiesa di Ognissanti in piazza Ognissanti, un incontro dove sarà possibile condividere canti e sapori delle feste di Natale di nostri fratelli cristiani di altri paesi che abitano la nostra città.
L’evento ha come scopo di mettere in evidenza la gioia della vita espressa nelle danze e nei canti delle comunità: Filippina, Peruviana e Sri Lanka. Durante la rappresentazione verranno raccolte offerte per sostenere le opere del Patriarcato Latino di Gerusalemme e come segno di condivisione e aiuto ai nostri fratelli e sorelle che abitano la Terra Santa.