Diocesi Firenze » In evidenza » 2019 » Aprile » Completata la 'Casa della Carità', progetto innovativo di condominio solidale 
Completata la 'Casa della Carità', progetto innovativo di condominio solidale   versione testuale

La 'Casa della Carità', nata a Firenze nel popoloso quartiere di Novoli per dare una riposta concreta all'esigenza di servizi e housing sociale per persone svantaggiate, è stata completata ed entra in piena attività. Nel condominio solidale convivono, sono in relazione, e trovano sostegno le categorie più fragili: persone con difficoltà economiche, anziani, bambini e migranti, ben inseriti nel contesto sociale cittadino.

E' stato appena inaugurato il secondo lotto (Lotto B 1.538 mq) del condominio solidale realizzato in via Corelli dall'Arcidiocesi di Firenze, gestito dalla Fondazione Solidarietà Caritas Onlus, e co-finanziato con il contributo della Conferenza Episcopale Italiana e della Fondazione CR Firenze.

I locali, divisi in due blocchi del nuovo edificio, sono costituiti da una grande cucina professionale, tre ampie sale, e un quarto spazio al piano superiore con 50 posti letto.

In una delle sale sarà trasferita la Mensa del Quartiere 5 per la quale esiste una convenzione apposita con il Comune di Firenze e che, al momento, è ospite nei locali di via Baracca adiacente alla mensa più ampia e storica della Caritas; mentre nelle altre due sale troverà spazio un centro diurno per gli anziani del quartiere gestito dalla Fratellanza Popolare di Peretola.

I 50 posti letto al piano superiore, fino ad ora utilizzati per l'emergenza freddo rivolta a donne, serviranno invece ad accogliere i migranti entrati nel sistema Sprar, presi in carico dalla Fondazione Caritas.

Nella grande cucina professionale saranno preparati oltre 300 pasti al giorno destinati: ai frequentatori della mensa di quartiere, ai 50 migranti ospiti del condominio, ai 12 ragazzi del centro per minori, collocato sempre all'interno della Casa della Carità, e infine altri pasti saranno consegnati agli ospiti delle case di accoglienza gestite in città sempre dalla Fondazione Caritas Onlus.

In questa nuova parte del complesso si trova anche la cappella realizzata con la collaborazione della Scuola di Arte sacra di Firenze.

In allegato il comunicato